fbpx
Via Caduti di Nassiriya, Santa Maria Capua Vetere
08231606898
info@borsecurity.it

Quali sono le sostanze pericolose e i rischi a cui sono esposte

Quali sono le sostanze pericolose e i rischi a cui sono esposte

Le sostanze pericolose sono sostanze, miscele e oggetti in forma solida, liquida e gassosa che per le particolari caratteristiche che presentano potrebbero mettere in pericolo la vita e la salute delle persone, inquinare l’ambiente e danneggiare i beni.

Gli ambiti in cui si parla di sostanze pericolose sono diversi e potrebbero essere identificate con un nome differente ma concettualmente il significato non cambia.

Ti faccio un esempio pratico: legalmente quando ci si riferisce ai prodotti chimici si parla di sostanze e preparati con proprietà pericolose, nell’ambito della sicurezza dei lavoratori si parla di sostanze pericolose, nel settore dei trasporti invece vengono identificate come merci pericolose.

Qualsiasi sia l’ambito in cui si opera, bisogna tenere ben presente la minaccia che ogni sostanza pericolosa reca in sé, e adottare le opportune misure per evitare che si verifichino eventi che possono mettere a rischio la vita e la salute delle persone, inquinare l’ambiente e non ultimo recare danni ai beni.

Non ci rendiamo conto di quante sostanze pericolose maneggiamo nella vita quotidiana finché non capita qualche sinistro, essenzialmente perché alcune provocano danni solo se entrano in contatto con altre sostanze.

L’informazione può essere d’aiuto e in certi casi salvare la vita. Quanti incidenti si sono verificati perché il lavoratore stava maneggiando una sostanza non classificata e opportunamente etichettata…

Pensa a quando si buca la bottiglia della candeggina (ipoclorito di sodio) o dell’acquaragia e la riversi in una comune bottiglia… qualcuno potrebbe ingerirla se non provvedi a etichettare il recipiente con la descrizione di ciò che contiene e a posizionarlo in un luogo adeguato, che sia fuori della portata degli altri componenti della famiglia.

Molte materie prime oppure prodotti ausiliari, utilizzate nella produzione di lavorati in aziende e in laboratori, sono sostanze che se non stoccate correttamente possono entrare in contatto con altri elementi e causare danni.

Incendi, esplosioni possono determinare la formazione di gas e vapori tossici che producono effetti sia sulla vita e la salute dell’uomo che sull’ambiente.

Le perdite di sostanze tossiche dovute alla cattiva gestione, al non corretto stoccaggio o allo smaltimento non conforme inquinano l’acqua: questo vuol dire grossi danni all’ambiente e alla salute delle persone.

I gestori di depositi di sostanze pericolose sono tenuti ad adottare tutte le misure idonee a minimizzare i rischi, che rispettino le prescrizioni giuridiche in tema di sicurezza sul lavoro, la protezione antincendio, la protezione delle acque, l’igiene dell’aria, la prevenzione di incidenti e la protezione degli impianti.

Fatta questa premessa, che era d’obbligo per comprendere quali sono i pericoli che possono causare le sostanze pericolose, vediamo alcuni esempi di sostanze pericolose che a contatto con altre sostanze causano effetti che possono nuocere alle persone, all’ambiente e ai beni.

La candeggina viene usata quotidianamente come disinfettante nel trattamento dell’acqua, in caso di contatto con acidi genera un gas di cloro tossico da inalare. Gli incidenti domestici dovuti alla cattiva gestione della candeggina sono molto ricorrenti proprio per le caratteristiche e per la diffusione della sostanza nella vita quotidiana.

È chiaro che gli effetti provocati da altri componenti di uso specifico aziendale e non così quotidiano come la candeggina, sono circoscritti agli ambiti di utilizzo e possono avere una diversa incidenza sulla salute delle persone.

L’idrogeno viene utilizzato nell’industria chimica, petrolchimica come reagente, ma può avere numerosi impieghi, come refrigerante, come agente riducente, come combustibile… è un gas altamente infiammabile che a contatto con l’aria, l’ossigeno o il cloro può formare miscele esplosive.

L’acido nitrico è impiegato nella produzione di concimi e fertilizzanti, per la lavorazione artistica di platino, oro e argento, per la sintesi di vari prodotti chimici. Se entra in contatto con materiali organici finemente ripartiti o con segatura, trucioli di legno, carta, cellulosa, resti di cotone genera gas nitrosi tossici che possono dare luogo a incendi, a fenomeni di autocombustione o esplosioni.

L’acido solfidrico viene utilizzato in alcune industrie per conciare pellami, per raffinare petrolio, per produrre acqua pesante… è caratterizzato da un odore di uova marce ed è estremamente tossico e infiammabile. A contatto con l’aria forma una miscela esplosiva.

L’acido solforico concentrato è utilizzato per la produzione di fertilizzanti, per il trattamento dei minerali, per la raffinazione del petrolio. È contenuto nelle batterie delle auto e combinato con altri elementi può avere diversi usi. Se miscelato con una soluzione di soda caustica concentrata provoca un riscaldamento così forte da far ribollire e fuoriuscire il liquido corrosivo con dispersione di gas e notevoli danni alla pelle, e se inalato in quantità eccessive può causare gravi danni al tratto respiratorio.

L’acido cianidrico è altamente infiammabile, si presenta in forma liquida o gassosa ed è caratterizzato da un odore di mandorle amare. È una sostanza estremamente tossica con effetti molto rapidi, utilizzata dall’industria galvanica per realizzare rivestimenti sottili di metalli pregiati, e per la produzione di Plexigas e nylon.

Forti agenti ossidanti, come il perossido di idrogeno concentrato, se entrano in contatto con carta, cartone, legno possono generare incendi. Combinati con prodotti chimici organici possono provocare reazioni di decomposizione ed esplosioni.

Il corretto stoccaggio delle sostanze pericolose prevede che queste vengano conservate in imballaggi e contenitori chiusi, dotati di etichette che forniscono informazioni indispensabili per la classificazione e la corretta gestione.

Se ti è stato utile questo articolo condividilo con i tuoi contatti. Se invece desideri informazioni più dettagliate sull’esclusivo servizio di portierato e guardiania virtuale che svolgiamo in Tele-presenza per monitorare depositi di sostanze pericolose, contattaci e richiedi una consulenza gratuita.

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Servizio di Portierato e Guardiania Virtuale
Average rating:  
 0 reviews
Summary
Quali sono le sostanze pericolose e i rischi a cui sono esposte
Article Name
Quali sono le sostanze pericolose e i rischi a cui sono esposte
Description
Adottare misure di prevenzione adeguate consente di evitare o limitare la vastità dei danni provocati dal non corretto stoccaggio delle sostanze pericolose...
Author
Publisher Name
BOR
Publisher Logo
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *