fbpx
800126494
info@borsecurity.it

Prospettive concrete per governare il cambiamento

“Governare il cambiamento” è l’imperativo emerso con forza dall’Assemblea Pubblica di Confindustria Caserta che si è tenuta, martedì 12 Aprile 2022, presso il “Centro Orafo Il Tarì” per fare il punto della situazione e analizzare le prospettive per il futuro.

A fare gli onori di casa il Presidente del Tarì: Vincenzo Giannotti, che ha sottolineato l’importanza di valorizzare la lungimiranza degli imprenditori, che non vanno lasciati soli.

“Imprenditori e istituzioni devono fare un lavoro di squadra per dare prospettive chiare e condivise”.

Concetto questo ripreso più volte durante l’evento anche dai presidenti di Confindustria, che hanno chiesto al governo di intervenire sia con risorse pubbliche ed europee per incentivare la crescita e interrompere la fuga di cervelli, sia con misure di sostegno fatte di regole chiare e tempi certi per gli investimenti.

Bisogna prendere atto delle difficoltà che vive l’industria per rilanciare l’intero apparato industriale con politiche attive del lavoro, la formazione e il taglio del cuneo fiscale.

La pandemia ci ha insegnato che dai problemi possono nascere numerose opportunità. In questo particolare momento di cambiamento è necessario fare il punto della situazione, prendere atto delle problematiche e valutare cosa è possibile fare per il futuro.

Il conflitto russo-ucraino sta influenzando la ripresa economica e le scelte delle persone, diventando così un’emergenza sociale che rischia di amplificare il divario tra la popolazione ricca e quella povera.

Tuttavia, rivedendo le politiche energetiche, è possibile riportare in Italia la produzione di energie alternative e sovvertire il sentimento antindustriale che nel corso degli anni ha rallentato la crescita delle industrie e del paese.

Al consueto coraggio degli imprenditori occorre affiancare interventi straordinari diretti a garantire stabilità.

Durante l’assemblea si è parlato di telemedicina, di innovazione e digitalizzazione delle imprese, ma soprattutto di prospettive per il futuro per un comparto, quello industriale che, nel mezzogiorno ancora più che in altre parti d’Italia, ha bisogno di equilibrio.

Un comparto che deve essere rilanciato sfruttando le problematiche come punto di partenza per lo sviluppo di soluzioni in grado di introdurre nuovi sistemi di gestione e conferire al mezzogiorno il ruolo di polo industriale del paese per il commercio con il mediterraneo.

Valorizzare la posizione strategica quindi, lavorando sull’attrattività del territorio fornendo interventi straordinari che accompagnino le imprese del mezzogiorno nel processo di transizione digitale ed ecologica e reindustrializzazione, tagliando il cuneo fiscale e aumentando il potere di acquisto dei lavoratori.

L’assemblea pubblica ha visto la partecipazione di Renzo Sartori, Clara Irene Sattler de Sousa e Brito e Giangiacomo Pierini, rispettivamente impegnati nel settore della logistica, della salute e dell’alimentazione.

Il sistema logistico è profondamente colpito dal caro energia e rischia di mandare in crisi l’intero comparto industriale se non si praticano al più presto politiche rivolte a calmierare i prezzi del carburante e a trovare fonti energetiche alternative.

Si teme che nei prossimi tre mesi molte aziende saranno costrette a fermare la produzione, e questo significa che molte persone perderanno il proprio lavoro.

Renzo Sartori ha dichiarato che l’impresa è un soggetto sociale che deve essere in grado di sostenere i propri dipendenti, garantendo loro salari e formazione adeguati.

Dello stesso avviso è Giangiacomo Pierini, che ha spiegato come grazie all’analisi del fattore umano e alla formazione l’azienda Coca-cola di Marcianise oggi è tra le prime del mezzogiorno per fatturato e produzione.

Le risorse messe a disposizione dell’industria devono favorire la crescita, la qualificazione del personale e la stabilità degli investimenti. Lo ha ribadito più volte Clara Irene Sattler de Sousa e Brito, che ha anche illustrato come durante la pandemia la sua azienda abbia sviluppato nuove soluzioni che tengono conto maggiormente del benessere del paziente.

BOR è particolarmente sensibile alle problematiche analizzate. Avendo sede in Campania è consapevole degli sforzi che un’azienda del territorio è chiamata a compiere tra tante difficoltà e vincoli burocratici per sostenere i propri dipendenti e per garantire la continuità produttiva ai propri clienti.

Grazie alla pianificazione di attività straordinarie, durante la pandemia ha messo in campo misure per sostenere le persone in difficoltà e continuare a erogare i propri servizi che oggi fanno parte dei nuovi processi aziendali.

Operare nel settore terziario avanzato le ha consentito non solo di resistere, ma addirittura di completare la virtualizzazione di tutti i processi, consolidando la propria posizione e quella delle aziende servite, contribuendo al processo di transizione digitale invocato più volte durante l’assemblea anche dal Governatore della Regione: Vincenzo De Luca.

Servizio di Portierato e Guardiania Virtuale
Average rating:  
 0 reviews
Summary
Prospettive concrete per governare il cambiamento
Article Name
Prospettive concrete per governare il cambiamento
Description
“Governare il cambiamento” è l’imperativo che è emerso dall’Assemblea Pubblica di Confindustria Caserta che si è tenuta presso il “Il Tarì”
Author
Publisher Name
BOR
Publisher Logo
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.