La notizia dell’anziana donna rapinata e abusata riapre il dibattito sul reato di circonvenzione di persone anziane

DiCarmelina Moccia

La notizia dell’anziana donna rapinata e abusata riapre il dibattito sul reato di circonvenzione di persone anziane

La notizia dell’anziana donna rapinata e abusata riapre il dibattito sul reato di circonvenzione di persone anziane

Vorrei non dover scrivere di questo argomento, ma la coscienza me lo impone, soprattutto perché ritengo sia giusto riflettere un po’ tutti su un fenomeno che dilaga e denota la totale mancanza di valori morali.


In un precedente articolo, scritto nel mese di giugno, ho trattato del reato di circonvenzione di persone anziane e del disegno di legge in esame alla camera che incrementa le pene per chi truffa e si approfitta degli anziani. Puoi fare click qui per approfondire.

Ebbene la necessità di inasprire le pene nasce proprio dalla recrudescenza di tali fenomeni.

La cronaca di questi giorni riporta la notizia dell’anziana di novant’anni rapinata e abusata da due giovani e sconvolge le nostre coscienze di genitori e adulti inseriti in una società che ravvisa segni di una “libertà malata” in cui tutto è relativo, e i valori, quelli di una volta, quelli che ci insegnavano i nostri genitori, non valgono più.

Non sono neppure “fuori tema” da questo BLOG, che notoriamente affronta argomenti legati alla sicurezza, la violazione della privacy, la prevenzione di anomalie e sinistri… l’anziana donna è stata infatti rapinata in casa sua sotto minaccia di un’arma e poi abusata da un diciassettenne e un quattordicenne, ospiti adesso di un centro di prima accoglienza del Tribunale dei minori.

Tuttavia ho difficoltà a scrivere senza esternare il mio disappunto, mostrando invece quell’abituale distacco che è d’uopo in una rubrica ufficiale. Non so tu, ma io ho difficoltà ad accettare la responsabilità che ricade su tutti noi adulti da questo evento, perché percepisco forte il senso di disorientamento che vive nell’animo dei giovani, di alcuni in particolare, da esporli fino a tanto.

Amici di suo nipote, gli aguzzini dell’anziana donna che adesso è ricoverata in ospedale con fratture e una grossa ferita nell’anima, non così grave per fortuna da impedirle di aiutare le forze dell’ordine ad individuare i due ragazzi, che circolavano indifferenti tra la gente, con i vestiti ancora sporchi di sangue e il coltello a serramanico, con cui l’hanno minacciata, in tasca.

Cos’è che spinge a tanto, te lo sei chiesto?

Forse ci hai pensato rientrando da lavoro, e il dubbio ti ha assalito: chissà cosa fanno i miei ragazzi mentre sono lontano da casa…

Nessuno può esimersi dalla riflessione, siamo tutti chiamati ad interrogarci sul nostro ruolo di educatori che abbiamo insieme alle istituzioni scolastiche: stiamo davvero facendo un buon lavoro?

La verità è difficile da interpretare, così come è difficile capire chi abbiamo di fronte.

Hai mai pensato: chi è mio figlio quando è fuori casa, fuori dal mio controllo… fuori dai limiti di tolleranza che gli imponi o che dovresti imporgli?

Siamo tutti esposti alla vergogna di essere un po’ “meno genitori” di quanto ci viene richiesto di essere.

Vogliamo essere amici dei nostri figli, ma è proprio necessario dimenticare di impartire un’educazione, una morale?

Quesiti che faremmo bene ad approfondire e a non lasciar scorrere via con il tempo, con la voglia irragionevole di afferrare quello che resta della nostra giovinezza, trascurando i sentimenti e la sensibilità di chi ci circonda, deviando la responsabilità che abbiamo verso chi si affaccia alla vita, senza aver scelto di farlo…

Come dico sempre più spesso: meditiamo!

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo

È possibile ricevere le notizie del momento da BOR di BUCCIERO GIOVANNI sede legale Via V. Emanuele II COOP. Antinea, 6 S 81055 MARIA CV CE - Italia - tramite la nostra newsletter utilizzando il vostro indirizzo di posta elettronica per l'invio della newsletter. L’iscrizione alla newsletter è volontaria e l’associata elaborazione dei dati avviene sulla base del vostro consenso, ai sensi dell'art. 6, par. 1 (a) del GDPR.
· invio di newsletter a mezzo posta elettronica o SMS o fax, da parte di BOR DI BUCCIERO GIOVANNI.
L'eventuale rifiuto nel consentire il trattamento dei dati comporta l'impossibilità di ricevere newsletter;
Avete il diritto e la possibilità di essere tolti dalla lista di distribuzione per cancellare l’iscrizione alla newsletter stessa, in qualsiasi momento. Basterà semplicemente inviare un'e-mail a info@borsecurity.it          

Ho letto e accetto i termini e le condizioni


Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Servizio di sorveglianza per privati, ditte e istituzioni
Average rating:  
 0 reviews
Condividi

Info sull'autore

Carmelina Moccia administrator

Web Master, Seo Copywriter. Ha pubblicato Irene ha sempre freddo (Edizioni Progetto Cultura, 2013), Difesa a zona (articolo giornalistico, finalista alla xiv edizione del Premio nazionale Maria Santoro, 2013), Fuori dal limite (nell’antologia di racconti Il tempo dell’assenza, Edizioni Spartaco, 2015), Dietro una porta (nell'antologia di racconti Parole in viaggio, Edizioni Spartaco, 2017). Menzione d’onore per la prosa al Premio letterario Valentina per l’opera La finestra sul freddo viale d’inverno e al Premio Giovane Holden per l’opera Donne Pericolose. Ha pubblicato Bit alla scoperta del codice ascii (Progetto Cultura, 2011), Il topolino bianco e Ti stringo forte al cuore (Fara Editore, 2012), Non smetto di sperare (Fara Editore, 2014). Ha partecipato a quattro laboratori di scrittura creativa organizzati dalla casa editrice Spartaco e condotti da G. Graziano, durante i quali ha composto numerosi racconti. Partecipa al laboratorio di scrittura creativa Di lama e di trama, tenuto dalla scrittrice Antonella Cilento, finalista Premio Strega 2014, fondatrice e direttrice di Lalineascritta Laboratori di Scrittura, e organizzato dalla casa editrice Spartaco.

Commenta

WhatsApp chat Contattaci su WhatsApp