Chatbot: cosa sono, quali sono gli impieghi e quali le prospettive per il futuro

DiCarmelina Moccia

Chatbot: cosa sono, quali sono gli impieghi e quali le prospettive per il futuro

Chatbot: cosa sono, quali sono gli impieghi e quali le prospettive per il futuro

Hai mai interagito con un Chatbot?

Ti sarà sicuramente capitato di visitare un sito web e di essere accolto da un assistente virtuale che ti offre assistenza: questo è solo uno dei tanti impieghi.


Cosa significa chatbot

Chatbot è composto dal termine chat, che indica l’utilizzo di una chat dedicata per gestire la conversazione e bot che non è altro che la contrazione della parola robot.

Un chatbot altro non è quindi che un software strutturato in modo da stabilire un’interazione artificiale con un interlocutore, per offrire assistenza principalmente. La diffusione dei chatbot è destinata a diventare sempre più capillare; per comprenderne l’importanza basta pensare ai benefici che possono ricavarne le aziende nel marketing per snellire la gestione del reparto vendite e nella customer care.

La prima idea di applicazione dell’intelligenza artificiale nelle macchine destinate ad interagire con gli umani è stata esposta da Alan Turing nel 1950, quando in un articolo propose un criterio, poi denominato Test di Turing, per capire se una macchina fosse in grado di pensare.

Come è strutturato un chatbot

Un chatbot è un software sviluppato per gestire dialoghi strutturati tra un bot e una persona. L’umano comprende di trovarsi di fronte ad una macchina dalle scelte che è indotto a compiere. Trattandosi infatti di una macchina per poter delineare un profilo dell’umano con cui sta conversando, il bot proporrà delle domande a scelta multipla per delineare gli interessi, le preferenze, l’età, i gusti e la lingua dell’umano.

Qual è il principale vantaggio di un chatbot

Un chatbot offre assistenza H24, questo è sicuramente il primo vantaggio. Grazie all’intelligenza artificiale di cui è dotato è in grado di imparare dai propri errori; quando l’umano fornisce risposte alle domande il bot elabora un profilo e personalizza le informazioni da dare all’utente connesso.

Il notevole vantaggio del chatbot è che l’utente decide quando ricevere informazioni e quando smettere di riceverne.

Quali sono gli impieghi di un chatbot

L’impiego dei chatbot è sicuramente più indicato nel settore marketing e nella customer care, come già detto, ma non è raro trovarne in giro per altri utilizzi.

Immagina di voler far parte di una Community Virtuale… sai quante persone frequentano contemporaneamente la piattaforma? Il chatbot riesce a gestire dialoghi con tutti gli utenti fornendo informazioni e aiuto grazie a domande strutturate rivolte a personalizzare la risposta.

Telegram nel 2015 ha consentito per la prima volta di sviluppare un assistente virtuale in grado di rispondere a comandi/scelte programmabili. L’anno successivo è stata la volta di Facebook Messenger che ha aperto l’accesso ai bot sulla piattaforma.

Attualmente sono già tante le aziende che hanno sviluppato il proprio chatbot per rispondere alle esigenze delle persone. La possibilità di poter anche gestire i pagamenti con Paypal fa dei chatbot uno strumento flessibile e smart che è destinato a sostituire le App.

Se ti è stato utile questo articolo, aggiungi un commento, scrivi una recensione o condividilo con i tuoi contatti. Se invece desideri informazioni più dettagliate sull’innovativo servizio di portierato e guardiania virtuale che svolgiamo in Tele-presenza per la tua azienda o abitazione, contattaci e richiedi una consulenza gratuita.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo

È possibile ricevere le notizie del momento da BOR di BUCCIERO GIOVANNI sede legale Via V. Emanuele II COOP. Antinea, 6 S 81055 MARIA CV CE - Italia - tramite la nostra newsletter utilizzando il vostro indirizzo di posta elettronica per l'invio della newsletter. L’iscrizione alla newsletter è volontaria e l’associata elaborazione dei dati avviene sulla base del vostro consenso, ai sensi dell'art. 6, par. 1 (a) del GDPR.
· invio di newsletter a mezzo posta elettronica o SMS o fax, da parte di BOR DI BUCCIERO GIOVANNI.
L'eventuale rifiuto nel consentire il trattamento dei dati comporta l'impossibilità di ricevere newsletter;
Avete il diritto e la possibilità di essere tolti dalla lista di distribuzione per cancellare l’iscrizione alla newsletter stessa, in qualsiasi momento. Basterà semplicemente inviare un'e-mail a info@borsecurity.it          

Ho letto e accetto i termini e le condizioni


Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Servizio di sorveglianza per privati, ditte e istituzioni
Average rating:  
 0 reviews
Condividi

Info sull'autore

Carmelina Moccia administrator

Web Master, Seo Copywriter. Ha pubblicato Irene ha sempre freddo (Edizioni Progetto Cultura, 2013), Difesa a zona (articolo giornalistico, finalista alla xiv edizione del Premio nazionale Maria Santoro, 2013), Fuori dal limite (nell’antologia di racconti Il tempo dell’assenza, Edizioni Spartaco, 2015), Dietro una porta (nell'antologia di racconti Parole in viaggio, Edizioni Spartaco, 2017). Menzione d’onore per la prosa al Premio letterario Valentina per l’opera La finestra sul freddo viale d’inverno e al Premio Giovane Holden per l’opera Donne Pericolose. Ha pubblicato Bit alla scoperta del codice ascii (Progetto Cultura, 2011), Il topolino bianco e Ti stringo forte al cuore (Fara Editore, 2012), Non smetto di sperare (Fara Editore, 2014). Ha partecipato a quattro laboratori di scrittura creativa organizzati dalla casa editrice Spartaco e condotti da G. Graziano, durante i quali ha composto numerosi racconti. Partecipa al laboratorio di scrittura creativa Di lama e di trama, tenuto dalla scrittrice Antonella Cilento, finalista Premio Strega 2014, fondatrice e direttrice di Lalineascritta Laboratori di Scrittura, e organizzato dalla casa editrice Spartaco.

Commenta

WhatsApp chat Contattaci su WhatsApp