AVA 500: la Telepresenza combinata alla robotica per interagire a distanza con l’ambiente di lavoro

DiCarmelina Moccia

AVA 500: la Telepresenza combinata alla robotica per interagire a distanza con l’ambiente di lavoro

AVA 500: la Telepresenza combinata alla robotica per interagire a distanza con l’ambiente di lavoro

AVA 500 non è un nuovo detergente… è un robot che grazie alla Tele-presenza ti consente di partecipare a presentazioni aziendali, frequentare corsi di formazione a New York, per esempio, pur essendo comodamente seduto sulla poltrona di casa tua!


E fin qui mi dirai che non ci trovi nulla di innovativo: già lo fai sfruttando la videoconferenza.

Quali sono gli utilizzi di AVA 500

AVA 500 però ha qualcosa di speciale, infatti stiamo parlando di un robot che sfrutta una struttura verticale che simula la sagoma umana per restituire l’esperienza di una presenza fisica reale che supporta uno schermo HD da 21.5 pollici e che, combinata alla Tele-presenza e al sistema di connessione in 3G o 4G e navigazione autonoma, ti consente di spostarti tra i reparti di un’azienda per praticare visite e ispezioni a impianti di produzione o laboratori, catene di produzione, per esempio, oppure ti consente di collaborare con il tuo team ad un progetto.

Come funziona AVA 500

Dotata di sensori laser, sonar, sensori per bordi e ostacoli, controlli vocali, gestuali e touch, ti consente di interagire a distanza con l’ambiente. Mentre ti sposti da un settore ad un altro della tua azienda puoi decidere di mostrare il tuo volto all’ambiente circostante oppure di mostrare uno schermo bianco e sfruttare quindi la modalità di navigazione privata. Il robot ti mostra una mappatura dell’ambiente e tu attraverso il tuo ipad, direttamente dalla tua postazione remota, puoi scegliere la destinazione e appunto percorrere il tragitto che va dalla base della ricarica di AVA 500 alla tua meta in modalità pubblica, fermandoti anche a conversare con i tuoi colleghi che incontri lungo il tragitto, oppure in privato. In modalità pubblica puoi guardare gli ambienti che percorri e ascoltare i suoni mostrando il tuo volto.

Una volta terminata la sessione di lavoro/conversazione AVA 500 ritorna alla sua base di ricarica e può essere utilizzata da un altro utente che effettui l’accesso dal suo ipad.

Appena eseguito l’accesso e scelta la destinazione dalla mappa dell’ambiente, puoi concentrarti direttamente sulla conversazione, senza doverti preoccupare di guidare il robot, perché è dotato di navigazione indipendente e sensori che evitano gli ostacoli.

Quali applicazioni ha la Tele-presenza

La Tele-presenza è sempre più destinata a trovare applicazione nel vissuto quotidiano nella prospettiva di restituire l’esperienza della presenza fisica, laddove le distanze impediscono l’interazione con l’ambiente circostante in tempo reale.

In questo articolo ti ho parlato della Tele-presenza che, combinata alla robotica, ti consente di interagire con l’ambiente di lavoro.

Pensa invece all’applicazione della Tele-presenza che facciamo nello svolgimento del servizio di portierato e guardiania che pratichiamo in tempo reale dalle nostre piattaforme tecnologiche per i nostri clienti…

Grazie all’impianto di monitoraggio, che utilizziamo per sorvegliare le aree, possiamo interagire con gli ambienti monitorati e praticare dissuasione. L’audio bidirezionale dell’impianto ci consente di ascoltare e parlare con i nostri clienti, per fornire accoglienza e assistenza, e con gli estranei e gli intrusi per farli allontanare.

L’impiego della Tele-presenza che facciamo è rivolto a garantire una presenza costante virtuale, laddove è richiesto il controllo e la gestione degli accessi e delle presenze da parte di persone autorizzate e intrusi, la rilevazione di anomalie e sinistri, la rilevazione di incendi e allagamenti, il controllo e la gestione delle infrastrutture e tutte le normali attività svolte tradizionalmente da un custode sul posto.

Noi operiamo in modalità privata: non mostriamo il volto degli operatori di tele-presenza agli estranei, ma non è escluso che su richiesta del cliente si possa operare anche in modalità pubblica.

Se ti è piaciuto questo articolo, aggiungi un commento, scrivi una recensione o condividilo con i tuoi contatti. Se invece desideri informazioni più dettagliate sull’innovativo servizio di portierato e guardiania virtuale, che svolgiamo in Tele-presenza, per la tua azienda o abitazione, contattaci e richiedi una consulenza gratuita.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo

È possibile ricevere le notizie del momento da BOR di BUCCIERO GIOVANNI sede legale Via V. Emanuele II COOP. Antinea, 6 S 81055 MARIA CV CE - Italia - tramite la nostra newsletter utilizzando il vostro indirizzo di posta elettronica per l'invio della newsletter. L’iscrizione alla newsletter è volontaria e l’associata elaborazione dei dati avviene sulla base del vostro consenso, ai sensi dell'art. 6, par. 1 (a) del GDPR.
· invio di newsletter a mezzo posta elettronica o SMS o fax, da parte di BOR DI BUCCIERO GIOVANNI.
L'eventuale rifiuto nel consentire il trattamento dei dati comporta l'impossibilità di ricevere newsletter;
Avete il diritto e la possibilità di essere tolti dalla lista di distribuzione per cancellare l’iscrizione alla newsletter stessa, in qualsiasi momento. Basterà semplicemente inviare un'e-mail a info@borsecurity.it          

Ho letto e accetto i termini e le condizioni


Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Servizio di sorveglianza per privati, ditte e istituzioni
Average rating:  
 0 reviews
Condividi

Info sull'autore

Carmelina Moccia administrator

Web Master, Seo Copywriter. Ha pubblicato Irene ha sempre freddo (Edizioni Progetto Cultura, 2013), Difesa a zona (articolo giornalistico, finalista alla xiv edizione del Premio nazionale Maria Santoro, 2013), Fuori dal limite (nell’antologia di racconti Il tempo dell’assenza, Edizioni Spartaco, 2015), Dietro una porta (nell'antologia di racconti Parole in viaggio, Edizioni Spartaco, 2017). Menzione d’onore per la prosa al Premio letterario Valentina per l’opera La finestra sul freddo viale d’inverno e al Premio Giovane Holden per l’opera Donne Pericolose. Ha pubblicato Bit alla scoperta del codice ascii (Progetto Cultura, 2011), Il topolino bianco e Ti stringo forte al cuore (Fara Editore, 2012), Non smetto di sperare (Fara Editore, 2014). Ha partecipato a quattro laboratori di scrittura creativa organizzati dalla casa editrice Spartaco e condotti da G. Graziano, durante i quali ha composto numerosi racconti. Partecipa al laboratorio di scrittura creativa Di lama e di trama, tenuto dalla scrittrice Antonella Cilento, finalista Premio Strega 2014, fondatrice e direttrice di Lalineascritta Laboratori di Scrittura, e organizzato dalla casa editrice Spartaco.

Commenta

WhatsApp chat Contattaci su WhatsApp