Violazione della privacy: è possibile registrare le conversazioni dei colleghi

DiCarmelina Moccia

Violazione della privacy: è possibile registrare le conversazioni dei colleghi

Violazione della privacy: È possibile registrare le conversazioni dei dipendenti

La violazione della privacy è sempre più spesso invocata in un contesto sociale dove tuttavia tutto è reso pubblico dai social. Sempre più persone condividono sui principali social network la loro posizione, le loro abitudini culinarie, le visite ai luoghi di villeggiatura, le tendenze politiche, religiose e quelle sessuali… certo alcuni restringono la visibilità di tali informazioni ai soli amici più stretti, altri invece lasciano che tutti possano accedere alle foto e video che ritraggono le loro caratteristiche abitudini.


Qual è allora il problema, perché è così invocata la violazione della privacy

La libertà di condividere le informazioni con chi più ci aggrada è la premessa, che viene poi messa in discussione quando l’informazione viene manipolata/usata da chi, a nostro parere, non ne ha il diritto.

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro Civile, con la sentenza n.11322 di maggio 2018 ha fatto chiarezza laddove sorgeva l'esigenza di registrare conversazioni, immagini e video nel contesto lavorativo.

Ricordiamo il caso di licenziamento di un dipendente, ritenuto poi illegittimo dalla Corte di merito, che avendo ricevuto un richiamo disciplinare con relativa sanzione, aveva registrato conversazioni e immagini video all’insaputa dei colleghi, da poter utilizzare in giudizio per provare la sua innocenza nei provvedimenti disciplinari a suo carico. Il datore di lavoro, cui il dipendente aveva consegnato una Pen drive contenente le registrazioni di conversazioni tra colleghi nell’orario di lavoro,  ne aveva disposto il licenziamento.

La legge sulla privacy definisce come “dato personale” qualsiasi informazione relativa alle caratteristiche abitudini, lo stile di vita, l’orientamento sessuale, le relazioni personali, la situazione economica, lo stato civile, lo stato di salute, ma soprattutto le immagini e la voce della persona.

È possibile registrare le conversazioni dei colleghi 

La Corte di Cassazione ha stabilito che è legittimo registrare conversazioni dei colleghi a loro insaputa con audio, foto e video purché il materiale non venga esibito in altra sede diversa da quella giudiziaria, come elemento di prova, per dimostrare la propria estraneità/innocenza nei procedimenti disciplinari a proprio carico e per tutelare la propria posizione lavorativa all’interno di un’azienda.

È legittimo trattare dati personali senza il consenso dell’interessato

La sentenza pone in rilievo la questione del trattamento dei dati personali, evidenziando che è legittimo anche in assenza del consenso dell’interessato quando è rivolto a far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, a condizione che i dati siano trattati solo per tali finalità e per il tempo necessario a perseguirle.

Se ti è stato utile questo articolo, aggiungi un commento o condividilo con i tuoi contatti.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo


Condividi

Info sull'autore

Carmelina Moccia administrator

Web Master, Seo Copywriter. Ha pubblicato Irene ha sempre freddo (Edizioni Progetto Cultura, 2013), Difesa a zona (articolo giornalistico, finalista alla xiv edizione del Premio nazionale Maria Santoro, 2013), Fuori dal limite (nell’antologia di racconti Il tempo dell’assenza, Edizioni Spartaco, 2015), Dietro una porta (nell'antologia di racconti Parole in viaggio, Edizioni Spartaco, 2017). Menzione d’onore per la prosa al Premio letterario Valentina per l’opera La finestra sul freddo viale d’inverno e al Premio Giovane Holden per l’opera Donne Pericolose. Ha pubblicato Bit alla scoperta del codice ascii (Progetto Cultura, 2011), Il topolino bianco e Ti stringo forte al cuore (Fara Editore, 2012), Non smetto di sperare (Fara Editore, 2014). Ha partecipato a quattro laboratori di scrittura creativa organizzati dalla casa editrice Spartaco e condotti da G. Graziano, durante i quali ha composto numerosi racconti. Partecipa al laboratorio di scrittura creativa Di lama e di trama, tenuto dalla scrittrice Antonella Cilento, finalista Premio Strega 2014, fondatrice e direttrice di Lalineascritta Laboratori di Scrittura, e organizzato dalla casa editrice Spartaco.

Commenta

WhatsApp chat Contattaci su WhatsApp