Un anno e 4 mesi di domiciliari per il ladro di Gricignano di Aversa che ha tentato di svaligiare una gioielleria nel modenese

Un anno e 4 mesi di domiciliari per il ladro di Gricignano di Aversa che ha tentato di svaligiare una gioielleria nel modenese

Danneggiamenti e intrusioni

Il tribunale di Modena il 19 settembre 2018, ha emesso una sentenza a carico di un ladro di Gricignano di Aversa che ha tentato un furto in una gioielleria di Castelfranco Emilia in provincia di Modena.


Arrestato a termine di una fuga rocambolesca, intrapresa dopo aver sfondato la saracinesca del negozio insieme al suo complice la notte del 11 settembre e dopo aver trascorso una settimana in prigione, è stato condannato con sentenza del Giudice Scarpa del Tribunale di Modena, ad un anno e quattro mesi di arresti domiciliari.

Si trova a casa agli arresti domiciliari, anche il 44enne straniero che ha compiuto una rapina a Mondragone ai danni di un 83enne, cui ha sottratto € 150,00. Individuato dalle forze dell’ordine e arrestato, è stato privato della refurtiva e riaccompagnato a casa, dove è in attesa del processo.

Nell’ultima settimana nella sola provincia di Caserta sono stati registrati numerosi tentativi di furti; in alcuni casi sono stati sottratti valori e mezzi di trasporto. In altri casi i sistemi di deterrenza furti hanno agito efficacemente, costringendo i malviventi ad abbandonare il progetto.

Non è stato così per un Agriturismo, dove i ladri approfittando del giorno di chiusura della struttura hanno sottratto beni e perfino un’auto. I gestori lamentano di aver già subito un altro furto appena qualche mese fa.

Qual è il periodo in cui i ladri agiscono di più?

Di solito si è portati a pensare che l’estate sia il periodo più adatto per compiere furti. Non è proprio così… i ladri, intuendo che chi va in ferie provvede a proteggere l’abitazione o i locali destinati alle vendite, preferiscono concentrare in questo periodo la loro attività, quando ormai, rientrati dalle ferie e riprese le attività quotidiane, ci si sente meno vulnerabili perché presenti e si abbassano le difese.

In tutta la provincia di Caserta sono state colpite gioiellerie, farmacie, centri per analisi, cimiteri, macellerie. I ladri hanno agito, passando indifferentemente da un settore all’altro.

È evidente dunque che le attività commerciali, capannoni, aziende agricole, depositi di materiali, trattandosi per lo più di siti isolati, sono gli obiettivi più ambiti, per la quantità di merce presente e per la prospettiva di maggiore facilità di azione.

Quali sono i risultati delle ultime due settimane di attività di deterrenza furti esercitata da BOR come effetto del servizio di portierato a distanza per mezzo di Tele-presenza?

Negli ultimi due fine settimana abbiamo sventato ben sei tentativi di furti, due dei quali presso lo stesso deposito di materiali edili a distanza di 5 giorni. I ladri hanno agito perfino durante le ore del giorno, confidando di poter operare indisturbati, trattandosi di siti isolati.

Qual è il vantaggio del sistema BOR di cui si parla sui social?

Il vantaggio del sistema di sorveglianza da remoto BOR, è la tempestività con cui vengono individuati gli intrusi. Sebbene provino a manomettere le apparecchiature, riusciamo sempre a rilevarne la presenza e la pericolosità. Monitorare costantemente le aree sottoposte a sorveglianza ci consente di rilevare anche le minime criticità dell’impianto.

Cosa succede se rompono una o più telecamere?

Per noi l’assenza di segnale è già un allarme, pertanto l’operatore di telecontrollo informa in tempo reale il cliente e fa scattare l’allarme audio e il nebbiogeno impedendo ai ladri la visuale. La tempestività per noi è un fattore essenziale.

Agiamo prima che i ladri compiano i danni, perché rileviamo tutti gli eventi e comunichiamo costantemente con il cliente, che in questo modo allerta immediatamente le forze dell’ordine o vigilanza.

Ad oggi la sorveglianza, in sinergia con vigilanza e forze dell’ordine, rappresenta una risposta efficace contro l’incremento del numero dei furti nelle aziende e presso le residenze private.

Quanto incide il costo del canone mensile di abbonamento al servizio di sorveglianza?

L’incidenza del canone mensile di abbonamento è minimo se la rapportiamo ai danni a persone e cose che si evitano e all’impatto psicologico cui si sarebbe esposti in caso di intrusione. Volendo quantificare parliamo di un’incidenza pari al 2% su tutte le altre spese.

Se ti è piaciuto questo articolo, aggiungi un commento o condividi con noi la tua esperienza. Se invece desideri informazioni più dettagliate sul servizio di guardiania a distanza per la tua azienda o abitazione, contattaci e richiedi una consulenza gratuita

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo


Condividi

Info sull'autore

Carmelina Moccia administrator

Web Master, Seo. Ha pubblicato Irene ha sempre freddo (Edizioni Progetto Cultura, 2013), Difesa a zona (articolo giornalistico, finalista alla xiv edizione del Premio nazionale Maria Santoro, 2013), Fuori dal limite (nell’antologia di racconti Il tempo dell’assenza, Edizioni Spartaco, 2015), Dietro una porta (nell'antologia di racconti Parole in viaggio, Edizioni Spartaco, 2017). Menzione d’onore per la prosa al Premio letterario Valentina per l’opera La finestra sul freddo viale d’inverno e al Premio Giovane Holden per l’opera Donne Pericolose. Ha pubblicato Bit alla scoperta del codice ascii (Progetto Cultura, 2011), Il topolino bianco e Ti stringo forte al cuore (Fara Editore, 2012), Non smetto di sperare (Fara Editore, 2014). Ha partecipato a quattro laboratori di scrittura creativa organizzati dalla casa editrice Spartaco e condotti da G. Graziano, durante i quali ha composto numerosi racconti. Partecipa al laboratorio di scrittura creativa Di lama e di trama, tenuto dalla scrittrice Antonella Cilento, finalista Premio Strega 2014, fondatrice e direttrice di Lalineascritta Laboratori di Scrittura, e organizzato dalla casa editrice Spartaco.

Commenta

WhatsApp chat Contattaci su WhatsApp