Si può usare lo Smartphone per collegare una telecamera IP

DiCarmelina Moccia

Si può usare lo Smartphone per collegare una telecamera IP

Si può usare lo Smartphone per collegare una telecamera IP

Se sei arrivato qui è perché probabilmente stai facendo ricerche in rete per acquistare una telecamera IP.


Avrai già appreso che la telecamera IP sfrutta tecnologia di ultima generazione e può essere controllata da remoto attraverso PC, Tablet o Smartphone.

Dotate di software di configurazione per la personalizzazione degli strumenti, come suggerisce la parola IP, che sta per Internet Protocol, per essere gestite da remoto necessitano di connessione internet stabile.

A seconda dell’utilizzo che ne devi fare, puoi orientarti verso la scelta di telecamere con o senza fili, da interni o da esterni, con tecnologia starlight o PTZ… la varietà di modelli presenti in commercio risponde a tutte le esigenze di sicurezza, ma non devi trascurare l’aspetto della connessione rete.

Se non disponi di una connessione stabile non puoi scegliere una telecamera di ultima generazione, e se confidi di poter usare lo Smartphone come router sei in errore.

Non è possibile usare lo Smartphone per collegare la telecamera IP e registrare immagini.

Che tipo di connessione serve per collegare una telecamera IP di un sistema di sorveglianza

Per una buona stabilità del sistema di sorveglianza occorre disporre di una connessione ADSL a banda minima garantita di almeno 2 Mbit/s o rete 3G/4G. Puoi utilizzare qualsiasi apparato idoneo a sfruttare la connessione: Modem router ADSL, Modem router o chiavette 3G/4G.

Perché è così importante la connessione internet per la gestione delle telecamere IP

La peculiarità delle IP camera è la possibilità di accedere alle informazioni in qualsiasi momento da qualunque parte del mondo utilizzando un dispositivo smart, dotato di connessione internet. Se la IP camera non è connessa in rete il dispositivo non riuscirà a visualizzare le immagini live trasmesse dalla camera.

Come vengono registrate le immagini su NVR

Senza entrare troppo in dettagli che sono di competenza tecnica, ti basta sapere che la registrazione delle immagini su NVR può avvenire in cloud, sfruttando un server esterno o direttamente utilizzando l’indirizzo IP dell’apparato.

Se ti è stato utile questo articolo, aggiungi un commento o condividilo con i tuoi contatti. Se invece desideri informazioni più dettagliate, contattaci e richiedi una consulenza gratuita.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo

È possibile ricevere le notizie del momento da BOR di BUCCIERO GIOVANNI sede legale Via V. Emanuele II COOP. Antinea, 6 S 81055 MARIA CV CE - Italia - tramite la nostra newsletter utilizzando il vostro indirizzo di posta elettronica per l'invio della newsletter. L’iscrizione alla newsletter è volontaria e l’associata elaborazione dei dati avviene sulla base del vostro consenso, ai sensi dell'art. 6, par. 1 (a) del GDPR.
· invio di newsletter a mezzo posta elettronica o SMS o fax, da parte di BOR DI BUCCIERO GIOVANNI.
L'eventuale rifiuto nel consentire il trattamento dei dati comporta l'impossibilità di ricevere newsletter;
Avete il diritto e la possibilità di essere tolti dalla lista di distribuzione per cancellare l’iscrizione alla newsletter stessa, in qualsiasi momento. Basterà semplicemente inviare un'e-mail a info@borsecurity.it          

Ho letto e accetto i termini e le condizioni


Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Servizio di sorveglianza per privati, ditte e istituzioni
Average rating:  
 0 reviews
Condividi

Info sull'autore

Carmelina Moccia administrator

Web Master, Seo Copywriter. Ha pubblicato Irene ha sempre freddo (Edizioni Progetto Cultura, 2013), Difesa a zona (articolo giornalistico, finalista alla xiv edizione del Premio nazionale Maria Santoro, 2013), Fuori dal limite (nell’antologia di racconti Il tempo dell’assenza, Edizioni Spartaco, 2015), Dietro una porta (nell'antologia di racconti Parole in viaggio, Edizioni Spartaco, 2017). Menzione d’onore per la prosa al Premio letterario Valentina per l’opera La finestra sul freddo viale d’inverno e al Premio Giovane Holden per l’opera Donne Pericolose. Ha pubblicato Bit alla scoperta del codice ascii (Progetto Cultura, 2011), Il topolino bianco e Ti stringo forte al cuore (Fara Editore, 2012), Non smetto di sperare (Fara Editore, 2014). Ha partecipato a quattro laboratori di scrittura creativa organizzati dalla casa editrice Spartaco e condotti da G. Graziano, durante i quali ha composto numerosi racconti. Partecipa al laboratorio di scrittura creativa Di lama e di trama, tenuto dalla scrittrice Antonella Cilento, finalista Premio Strega 2014, fondatrice e direttrice di Lalineascritta Laboratori di Scrittura, e organizzato dalla casa editrice Spartaco.

Commenta

WhatsApp chat Contattaci su WhatsApp