Allontanato sciacallo dal centro commerciale di Portico di Caserta (CE)

Allontanato sciacallo dal centro commerciale di Portico di Caserta (CE)

Allontanato sciacallo dal centro commerciale di Portico di Caserta

Allontanato sciacallo dal centro commerciale di Portico di Caserta

Entra anche tu nel rivoluzionario mondo BOR

Venerdì sera 12 ottobre 2018 alle ore 23:36 circa, uno sciacallo si introduce nel parcheggio del centro commerciale di Portico di Caserta (CE) con l'intento di rubare le pedane situate all'esterno. L'operatore di telecontrollo connesso da remoto interviene prontamente e mette in fuga il ladruncolo.

Router: qual è il più adatto per collegare le telecamere IP

Router: qual è il più adatto per collegare le telecamere IP

Nel precedente articolo ho cercato di rispondere a chi si chiede se lo Smartphone può essere utilizzato per collegare le telecamere IP. Di solito chi ha questo dubbio non dispone di una connessione ADSL stabile e cerca un’alternativa.


Lo Smartphone è indubbiamente molto utile quando sei fuori casa, ti consente di sfruttare la connessione dati del provider dei servizi per collegare un PC o un Tablet per lavorare o semplicemente per visionare un film da una delle più note piattaforme di streaming; però non può essere utilizzato come router per collegare le telecamere IP, piuttosto lo usi per accedere alle immagini trasmesse dalle telecamere…

Come posso collegare le telecamere IP se non ho una connessione ADSL stabile

Nel precedente articolo per una buona stabilità del servizio ti suggerivo di utilizzare una connessione ADSL a banda minima garantita di almeno 2 Mbit/s, in alternativa se non disponi di una connessione ADSL, puoi utilizzare un router con chiavette 4G plus LTE con internet illimitato o 400 Giga.

Se non sai cos’è un router e lo confondi con il modem, facciamo chiarezza tra i due dispositivi. Senza entrare in tecnicismi ti basta sapere che il modem riceve e trasmette dati sfruttando la linea telefonica o una SIM, in pratica ti dà l’accesso alla rete, il router serve a collegare reti e si occupa dell’instradamento dei dati che riceve dal modem verso i dispositivi collegati.

Qual è il miglior router per collegare le telecamere IP

Per garantirti una connessione stabile e un accesso alle immagini veloce utilizza un router con tecnologia LTE o 4G plus.

Cosa significa tecnologia LTE o 4G plus

LTE si riferisce al tipo di rete e indica la velocità consentita in fase di download e upload. Ti suggerisco di acquistare un router con antenne esterne, per captare il segnale anche in zone non particolarmente coperte da connessione, che sia dotato di slot per SIM per farlo funzionare come modem e fai molta attenzione al numero di dispositivi che consente di collegare contemporaneamente, ci sono alcuni router che garantiscono un accesso limitato e potrebbero non fare al tuo caso

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi contatti. Se desideri informazioni contattaci e richiedi una consulenza gratuita.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo


KIT di Videosorveglianza e servizio di portierato in promozione

KIT di Videosorveglianza e servizio di portierato in promozione

Non perdere l'opportunità di aggiudicarti uno dei dieci KIT di Videosorveglianza in promozione

Contatta subito il reparto commerciale al numero verde e lascia i tuoi dati per essere ricontattato dal consulente o se preferisci compila il modulo per la prenotazione del KIT.

Inserisci il tuo nome o quello della tua azienda

Inserisci il tuo recapito telefonico per essere contattato dal nostro consulente

Il KIT prevede la seguente configurazione*:

  • 2 Telecamere esterne ad incrocio per il controllo dell'ingresso della struttura
  • 1 Telecamera interna
  • 1 Nebbiogeno

Compreso nel prezzo: il canone di controllo del servizio di portierato virtuale, in fascia oraria dalle 22,00 alle 06,00 del mattino, in promozione per un anno.

Le spese per l'installazione del KIT sono a tuo carico. L'installazione la fa il tuo elettricista di fiducia sotto la supervisione e la direzione dei lavori dei nostri tecnici, che provvederanno al collaudo dell’impianto e all’attivazione del servizio.

Se non hai un tecnico di fiducia a cui rivolgerti, scegli dall'elenco del sito un installatore partner. Per visualizzare l'elenco fai click qui.

 

*La configurazione è adatta a strutture/attività commerciali dotate di un solo ingresso (esempio: Gioiellerie, Bar-Tabacchi, Negozi di abbigliamento, Panifici, etc)

Ondata di furti durante le festività natalizie

Ondata di furti durante le festività natalizie

Durante le festività natalizie in vista dell’aumento del flusso di viaggiatori, sono stati intensificati in tutta Italia i controlli della Polizia Ferroviaria nelle stazioni, sui treni e lungo le linee ferroviarie.

L’attività investigativa ha permesso di eseguire numerosi controlli di persone ritenute sospette e arresti per tentato furto di cavi di rame in tratte ferroviarie già interessate da altri episodi che in passato avevano arrecato danni alla circolazione dei treni.

Nonostante la maggiore attenzione non sono mancati i furti nelle abitazioni. In alcuni casi la refurtiva è stata recuperata dalle forze dell’ordine prima di essere ricettata.

Le festività rappresentano un periodo dell’anno molto complesso da gestire e portano alla luce diverse problematiche legate al degrado sociale cui la società contemporanea è sottoposta già da diversi anni. L’incremento della criminalità è spesso riconducibile alla mancanza di una efficace politica di integrazione, che riesca non solo ad accogliere stranieri, ma anche a formarli opportunamente al lavoro.

Molti dei tentativi di furti che sono stati sventati durante le festività natalizie sono stati compiuti da stranieri arrivati in Italia e reclutati da cittadini italiani che organizzano vere e proprie bande dedite alla malavita.

Non sono mancati i furti messi a segno da italiani, regolarmente impiegati, che inconsapevoli di essere registrati da telecamere di videosorveglianza, sono stati sorpresi a rubare merce durante l’orario di lavoro. È accaduto a Battipaglia, in provincia di Napoli. Un dipendente di un supermercato è stato denunciato dal proprietario del magazzino, perché responsabile di altri furti, documentati dalle telecamere di sorveglianza.

Cos’è che spinge a rubare?

La domanda invita a riflettere seriamente sull’argomento. Se è vero che spesso chi ruba è disagiato, perché non è riuscito ad integrarsi nella società, è anche vero che chi ha un lavoro non dovrebbe rubare…

Come dimostra ciò che è accaduto a Battipaglia, non è sempre disagiato colui che si dà al crimine.

Dalle immagini del video registrato dalla Centrale Operativa nel tentativo di furto sventato a Castel Volturno, in provincia di Caserta è possibile notare che i delinquenti sono tutti molto giovani e forse con un’adeguata formazione al lavoro avrebbero potuto dedicarsi ad altro… Invece hanno scelto di delinquere e di tentare di svaligiare il negozio di tabacchi di un nostro

cliente, che conoscendo le problematiche territoriali, ha scelto di far installare all’interno del locale anche un sistema nebbiogeno.

Forse è giusto pensare che dove la cultura, l’integrazione, il lavoro non produce risultati, è bene confidare sulla sicurezza di dispositivi anti-intrusione…

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo


Furto sventato in azienda agricola a Castel Volturno (CE)

Guardiania a distanza per Aziende Agricole

Prova anche tu l'efficacia dell'unico sistema di Tele-presenza che evita furti, danni e sequestri di persona

Questa volta a finire sotto i riflettori è un'azienda agricola a Castel Volturno, in provincia di Caserta. Dalle immagini riprese in tempo reale dalla Centrale Operativa è possibile notare che un componente della banda di malintenzionati, si è introdotto all'interno della proprietà con l'intento di sottrarre mezzi agricoli, ma è stato costretto alla fuga dall'operatore di Tele-presenza che, connesso da remoto, ha attivato i protocolli di sicurezza concordati con il cliente.

Conservazione delle immagini di videosorveglianza

Conservazione immagini di videosorveglianza

Il Provvedimento del 2010, disposto dal Garante della Protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza, stabilisce che le immagini riprese da telecamere di videosorveglianza possono essere conservate fino a 24 ore, con deroga a 7 giorni qualora ricorra un elevato fattore di rischio.

L’attività di controllo per mezzo di videocamere è considerata invasiva e pertanto è sottoposta a diverse limitazioni che mirano a regolamentarne l’applicazione nei luoghi pubblici, aziende, istituzioni e aree di comune interesse al fine di salvaguardare la libertà degli individui di circolare senza veder violato il proprio diritto alla riservatezza.

In riferimento alla videosorveglianza sui luoghi di lavoro l’installazione e l’attivazione di impianti audiovisivi dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori è prevista previo accordo con il sindacato aziendale oppure, dove non fosse possibile raggiungere l’accordo, l’autorizzazione dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL). Leggi di più

E' possibile estendere i tempi di conservazione delle immagini di videosorveglianza?

Considerata l’importanza della videosorveglianza per alcune tipologie di attività commerciali, quali gioiellerie, distributori di carburante, tabaccai, supermercati… per le quali rappresenta un valido strumento per l’identificazione degli autori di sopralluoghi legati a furti, atti vandalici e rapine, il Garante ha previsto la possibilità di richiedere, attraverso presentazione di istanza di verifica, l’estensione dei tempi di conservazione oltre 7 giorni.

Il Garante ha rimesso quindi al titolare del trattamento dei dati la valutazione dei tempi necessari alla conservazione delle immagini di videosorveglianza.

In conclusione: chiunque ritenga di dover conservare le immagini di videosorveglianza per l’identificazione degli autori di sopralluoghi legati a furti e rapine per un tempo superiore ai 7 giorni previsti dal punto 3.4 del provvedimento del 2010, può presentare istanza di estensione dei tempi di conservazione al Garante.

Se questo articolo ti è stato utile condividilo con i tuoi contatti. Se desideri informazioni più dettagliate sul servizio di videosorveglianza per la tua azienda o abitazione, contattaci e richiedi una consulenza gratuita

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo


Due furti sventati grazie al servizio di portierato virtuale

bar tabacchi aree di servizio

Entra nel rivoluzionario Mondo BOR

Prova l'efficacia di un sistema che non genera falsi allarmi

Il tentativo di furto che proponiamo oggi risale a Lunedì 31/12/18, quando alle ore 21:22 circa, sette delinquenti hanno tentato un furto presso un bar-tabacchi di un distributore di carburanti di Castel Volturno, in provincia di Caserta.

Giunti sul posto a bordo di una station wagon, hanno cominciato a maneggiare con gli arnesi da scasso in loro possesso, ma sono stati immediatamente costretti a scappare dall'operatore connesso da Centrale Operativa, che ha attivato la dissuasione audio e il nebbiogeno.

Come da abitudine avevano tutti il volto coperto e si sono dati alla fuga risalendo velocemente a bordo dell'auto.

All'interno il locale, come è possibile notare dal riquadro nell'angolo in alto a sinistra, si è saturato di nebbia.

Il 16/12/18 alle ore 03:07 circa, tre malviventi con il volto coperto si sono recati presso un distributore di carburante a Camigliano, in provincia di Caserta,  con l’obiettivo di sradicare la colonnina del Self-Service per rubarne il contenuto. L'operatore collegato in tempo reale è intervenuto tempestivamente mettendoli in fuga.

Si può usare lo Smartphone per collegare una telecamera IP

Si può usare lo Smartphone per collegare una telecamera IP

Se sei arrivato qui è perché probabilmente stai facendo ricerche in rete per acquistare una telecamera IP.

Avrai già appreso che la telecamera IP sfrutta tecnologia di ultima generazione e può essere controllata da remoto attraverso PC, Tablet o Smartphone.

Dotate di software di configurazione per la personalizzazione degli strumenti, come suggerisce la parola IP, che sta per Internet Protocol, per essere gestite da remoto necessitano di connessione internet stabile.

A seconda dell’utilizzo che ne devi fare, puoi orientarti verso la scelta di telecamere con o senza fili, da interni o da esterni, con tecnologia starlight o PTZ… la varietà di modelli presenti in commercio risponde a tutte le esigenze di sicurezza, ma non devi trascurare l’aspetto della connessione rete.

Se non disponi di una connessione stabile non puoi scegliere una telecamera di ultima generazione, e se confidi di poter usare lo Smartphone come router sei in errore.

Non è possibile usare lo Smartphone per collegare la telecamera IP e registrare immagini.

Che tipo di connessione serve per collegare una telecamera IP di un sistema di sorveglianza

Per una buona stabilità del sistema di sorveglianza occorre disporre di una connessione ADSL a banda minima garantita di almeno 2 Mbit/s o rete 3G/4G. Puoi utilizzare qualsiasi apparato idoneo a sfruttare la connessione: Modem router ADSL, Modem router o chiavette 3G/4G.

Perché è così importante la connessione internet per la gestione delle telecamere IP

La peculiarità delle IP camera è la possibilità di accedere alle informazioni in qualsiasi momento da qualunque parte del mondo utilizzando un dispositivo smart, dotato di connessione internet. Se la IP camera non è connessa in rete il dispositivo non riuscirà a visualizzare le immagini live trasmesse dalla camera.

Come vengono registrate le immagini su NVR

Senza entrare troppo in dettagli che sono di competenza tecnica, ti basta sapere che la registrazione delle immagini su NVR può avvenire in cloud, sfruttando un server esterno o direttamente utilizzando l’indirizzo IP dell’apparato.

Se ti è stato utile questo articolo, aggiungi un commento o condividilo con i tuoi contatti. Se invece desideri informazioni più dettagliate, contattaci e richiedi una consulenza gratuita.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo


Furto sventato a Capodanno: presa di mira un’azienda di Villa Literno

Furto sventato a Capodanno: presa di mira un'azienda di Villa Literno

A finire nella mira dei ladri questa volta un'azienda che si occupa di smaltimento rifiuti

Martedì 01/01/19 alle ore 23:50 circa, due ladri hanno tentato di introdursi all'interno di un'azienda che si occupa dello smaltimento rifiuti a Villa Literno, in provincia di Caserta. Uno dei due controllava la zona circostante e l'altro si avvicinava al cancello d’ingresso. L’operatore connesso dalla Centrale Operativa è intervenuto repentinamente evitando danni alla struttura e costringendo alla fuga i malviventi.

Raspberry Pi: cos’è e a cosa serve

A cosa serve il Raspberry Pi

Sviluppato nel Regno Unito per promuovere l’insegnamento dell’informatica, ha trovato larga applicazione in diversi campi e in particolare nell’IoT grazie alla versatilità dell’utilizzo.

Cos’è un Raspberry Pi

Nato per sopperire all’esigenza di disporre di un computer a basso costo, è disponibile sotto forma di scheda dall’elevata capacità di espansione, dotata di capacità di calcolo, memoria RAM, scheda grafica, Wi-Fi e sistema operativo. La registrazione dei dati è affidata a schede SD rimovibili.

Raspberry è uno dei tanti SBC in commercio. SBC è l’acronimo di Single Board Computer e si riferisce ad un computer privo di tastiera e monitor, con almeno una porta USB e una HDMI per l’uscita video e una porta Ethernet, con Wireless e Bluetooth integrati.

La dimensione del raspberry è minima, assimilabile ad una carta di credito o anche più piccola.

Qual è il più potente Raspeberry in commercio

Raspberry Pi 3 Model B+ è il più potente rispetto al modello precedente. Integra la tecnologia POE con Wireless e Bluetooth potenziati per offrire prestazioni sempre più performanti.

Quanto costa in media

Il costo parte da un minimo di 4 € + IVA e dipende da diversi fattori:

potenza di calcolo

capacità di memorizzazione e registrazione

prestazioni della scheda grafica

sistema operativo integrato…

A cosa serve il Raspberry Pi

Come già detto in apertura l’impiego è indicato in molteplici campi. Tanto per fare qualche esempio: può essere impiegato nei VoIP per la gestione del centralino, per controllare un drone o gli accessi alle aree da remoto, per gestire il funzionamento di dispositivi interconnessi…

Nel 2013 è stata sviluppata la prima telecamera installabile su raspberry Pi, che ha segnato una rivoluzione nel mondo della videosorveglianza. Il principale vantaggio delle telecamere raspberry Pi è la possibilità di scattare foto e registrare video utilizzando una connessione estremamente veloce e gestirne il controllo da remoto.

Se ti è piaciuto questo articolo, aggiungi un commento o condividi con noi la tua esperienza. Se invece desideri informazioni più dettagliate sul servizio di guardiania a distanza per la tua azienda o abitazione, contattaci e richiedi una consulenza gratuita

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo


Furto sventato a Ostuni in provincia di Brindisi

Furti in appartamento

Furto sventato a Ostuni

Grazie all'innovativo sistema di Tele-presenza pensato da BOR sempre più persone sono al sicuro dai ladri

Giovedì 27/12/18 alle ore 17:30 circa, un malvivente con il volto coperto ha cercato di introdursi in pieno pomeriggio in una casa vacanza situata in una zona isolata di Ostuni, ma il celere intervento dell'operatore di telecontrollo collegato in tempo reale da Centrale Operativa, lo ha messo in fuga evitando ingenti danni al cliente.

WhatsApp chat Contattaci su WhatsApp