Confermata dalla Corte di Cassazione la condanna per Sarmato Angelo Peveri

DiGiuliano Salomone

Confermata dalla Corte di Cassazione la condanna per Sarmato Angelo Peveri

Confermata dalla Corte di Cassazione la condanna per Sarmato Angelo Peveri

Confermata dalla Corte di Cassazione la condanna per Sarmato Angelo Peveri, l’imprenditore che nella notte del 6 ottobre 2011 sparò con un fucile a tre ladri romeni, ferendone gravemente uno. I malintenzionati si erano introdotti nel suo cantiere a Borgonuovo tentando l'ennesimo furto ai suoi danni.


L'uomo dovrà scontare 4 anni e 6 mesi per tentato omicidio, mentre il suo collaboratore 4 anni e 2 mesi per concorso in tentato omicidio.

Da quella sera Peveri ha continuato a subire furti di gasolio, accumulando nel tempo 91 furti di cui 40 denunciati alle Forze Dell'Ordine.

Sono trascorsi 8 anni e solo ora sembra esser chiaro il destino dell'imprenditore piacentino che rischia il carcere.

Qual è l'atteggiamento di una persona di fronte ad un furto?

 Stavolta non ci soffermiamo sulla tanto discussa legge di riforma sulla legittima difesa, oggi proviamo ad affrontare la questione da un differente punto di vista.

Non vogliamo analizzare fin dove può arrivare la soglia che delinea quando è giusto o no difendersi... non parleremo di limiti bensì di possibilità.

 Prendiamo in considerazione un paio di statistiche che ci aiutano a comprendere quale può essere l'impatto traumatico di un furto:

 Il 29% degli italiani ha paura di subire un furto in casa ed è risaputo che la paura innesca una reazione.

Il timore di essere violati è un sentimento che nella nostra realtà attraversa sempre di più gli animi dell'uomo.

 Circa il 40% degli italiani, in eventi di questo tipo, ricorrerebbe probabilmente ad un’arma, il 22% è certo che lo farebbe.

Le circostanze che stiamo analizzando indicano momenti di tensione dove lo stato di chi agisce, che sia il ladro o la persona attaccata, è di turbamento e alterazione quindi di conseguenza non è facile rimanere lucidi.

Non saremo noi a giudicare un imprenditore che sceglie di difendersi sparando a tre malviventi.

Proviamo ad analizzare le emozioni che prova la persona violata.

Shock, incredulità, rabbia e sensi di colpa: sentimenti che perdurano nel tempo, dopo aver ferito gravemente o ucciso qualcuno da cui ci si è sentiti attaccati, che potrebbero arrecare un disturbo post-traumatico da stress.

La propria attività come la propria casa è uno spazio sacro, e chi decide di entrarvi senza il nostro permesso viola un nostro diritto.

La violazione ci fa sentire particolarmente deboli, increduli ed impotenti.

"Vim vi repellere licet" il brocardo latino esprime il concetto di legittima difesa in virtù del quale è lecito respingere la violenza con la violenza, ma è proprio necessario ricorrere alla violenza per difendere un proprio diritto?

Possiamo sicuramente convenire che ci sono accorgimenti grazie ai quali si può rendere difficile la vita ai malviventi, rallentandoli e consentendo così alle Forze dell'ordine d’intervenire.

Rafforzare le difese con sistemi di sicurezza passiva (porte blindate, grate, inferriate, vetri antisfondamento) è sicuramente un buon punto di partenza, ma non bisogna trascurare di assumere le normali precauzioni che detta il buon senso.

Ti suggerisco pertanto di non lasciare mai le chiavi sotto lo zerbino o in altri posti facilmente intuibili e accessibili;

non postare sui social network foto in cui si capisce che sei lontano da casa per viaggio o per assenze prolungate;

installa un sistema di allarme e un antifurto.

Quali sono i sistemi tradizionali per difendersi dai furti?

Fino a qualche anno fa solo la semplice presenza di una telecamera poteva funzionare come deterrente, ma nel tempo i ladri hanno perfezionato i loro metodi di intrusione.

La videosorveglianza, insieme con l’antifurto, fa parte dei sistemi tradizionali di difesa e sono facilmente eludibili e ad oggi, non più così efficaci come un tempo.

Cosa offrono le nuove tecnologie a difesa del domicilio?

La tecnologia digitale prevede l’impiego di apparecchiature dotate di intelligenza artificiale, grazie alle quali è possibile monitorare, gestire e controllare la proprietà da remoto, 24h su 24h, garantendo in caso di emergenza una protezione contro danni e furti.

La tecnologia di cui ti sto parlando è meglio conosciuta con il termine “Tele-presenza BOR”, e rappresenta un nuovo concetto di portierato, una vera rivoluzione al tradizionale modo di intendere il guardianaggio sul posto, che prevede l’impiego di operatori connessi da remoto e non più sul sito da sorvegliare, che svolgono un’azione di prevenzione danni e intrusioni.

Essendo collegati in live gli operatori, grazie al supporto di apparecchiature di ultima generazione, sono in grado di rilevare in tempo reale gli eventi e interagire con gli spazi sorvegliati, rendendo così sicura la tua casa o il tuo ambiente di lavoro.

Se desideri più informazioni sul servizio di Tele-presenza BOR per garantire a te stesso e ai tuoi valori una presenza costante pari a quella di un custode, con il vantaggio però di non doverne gestire i turni di lavoro e i costi, contattaci per una consulenza gratuita.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo

È possibile ricevere le notizie del momento da BOR di BUCCIERO GIOVANNI sede legale Via V. Emanuele II COOP. Antinea, 6 S 81055 MARIA CV CE - Italia - tramite la nostra newsletter utilizzando il vostro indirizzo di posta elettronica per l'invio della newsletter. L’iscrizione alla newsletter è volontaria e l’associata elaborazione dei dati avviene sulla base del vostro consenso, ai sensi dell'art. 6, par. 1 (a) del GDPR.
· invio di newsletter a mezzo posta elettronica o SMS o fax, da parte di BOR DI BUCCIERO GIOVANNI.
L'eventuale rifiuto nel consentire il trattamento dei dati comporta l'impossibilità di ricevere newsletter;
Avete il diritto e la possibilità di essere tolti dalla lista di distribuzione per cancellare l’iscrizione alla newsletter stessa, in qualsiasi momento. Basterà semplicemente inviare un'e-mail a info@borsecurity.it          

Ho letto e accetto i termini e le condizioni


Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Servizio di sorveglianza per privati, ditte e istituzioni
Average rating:  
 0 reviews
Condividi

Info sull'autore

Giuliano Salomone author

Appassionato in materia umanistica e letteraria, dopo il liceo ho deciso di affrontare immediatamente il mondo del lavoro perché volevo subito testare le mie capacità e ho avuto occasione di farlo grazie a BOR. Ho scelto il settore della comunicazione perché mi piace interfacciarmi con altre persone con tutti i mezzi che oggi abbiamo a disposizione.

Commenta

WhatsApp chat Contattaci su WhatsApp