Come prevenire i furti in negozio

Come prevenire i furti in negozio

Le attività commerciali rappresentano da sempre la meta ambita dai ladri per varietà e quantità di prodotti disponibili da poter rubare sia in orario di apertura che chiusura delle attività.


Nel dettaglio parliamo di tentativi di rapine e di effrazioni. Le attività maggiormente prese d’assalto dai ladri con la modalità della rapina notoriamente sono le gioiellerie.

Quali sono i rischi per chi subisce un furto in negozio

La cronaca nera periodicamente ci propone notizie di rapine finite male, spesso con la morte del titolare del negozio o del ladro. Quando a morire è il ladro si apre tutta una diatriba sull’opportunità o meno di esercitare la legittima difesa. Chi sostiene la libertà di rispondere con la violenza alla violenza ovviamente si dispone a fianco del negoziante che si è difeso, gli altri invocano il principio di proporzionalità dell’offesa, in virtù del quale il ladro, che ruba un gioiello, non può essere privato della vita, perché non c’è proporzione tra il valore del gioiello e il valore della sua vita.

Senza perderci in questioni che sono ancora al vaglio dei politici, di solito chi subisce un furto rischia innanzitutto di vedersi sottrarre merce di valore, ma ancora di più rischia di essere ferito o ucciso e di mettere in pericolo la vita dei presenti in negozio al momento della rapina, con tutto quello che comporta in termini di prestigio del negozio.

Un negozio che ha subito una rapina diventa un luogo poco sicuro per i consumatori

Cosa fanno i ladri quando entrano nel negozio

I ladri scelgono di entrare di giorno per avvantaggiarsi della presenza del titolare per farsi rivelare il codice della cassaforte e sicuramente agiscono adottando misure per non farsi identificare da eventuali sistemi di videosorveglianza, fanno uso di armi per minacciare i presenti e farsi consegnare contanti e valori.

Quando invece scelgono di agire di notte devono innanzitutto eludere i sistemi di sicurezza passivi. Una serranda blindata rallenterà i tempi di azione, ma non fermerà il ladro che, armato di attrezzi da scasso, danneggerà le protezioni per entrare nel locale e avere accesso alla merce ed eventualmente all’incasso del giorno prima.

Come difendersi dai furti in negozio

Per difendersi dai furti in negozio è buona norma adottare misure preventive dettate innanzitutto dal buon senso. In primis ti consiglio di non lasciare mai l’incasso in negozio. Orienta la scelta della serranda verso una tipologia che garantisca areazione ai locali, ma sia abbastanza resistente da rallentare l’attività dei ladri in modo da consentire alla vigilanza e alle forze dell’ordine di intervenire in tempo. Accertati di aver chiuso la serranda e inserito l’allarme. Nella scelta dell’allarme non lesinare, scegli quello che ti garantisce un minor numero di falsi allarmi e una schermatura contro i disturbatori di frequenza. Affidati a istituti di vigilanza in grado di garantirti una buona tempestività di intervento.

Queste misure possono tenerti relativamente al sicuro dalla preoccupazione di subire un furto in negozio. Per garantirti la totale protezione valuta l’opportunità di dotare il locale di un impianto di rilevazione e analisi degli eventi, che previene l’evento intrusivo, danni a persone e cose e rileva eventuali incendi e allagamenti. Un impianto di rilevazione abbinato ad un efficace servizio di portierato e guardiania a distanza garantisce la protezione totale più efficace.

Se hai un’attività dotata di un solo ingresso, puoi considerare la possibilità di noleggiare un impianto di monitoraggio con una configurazione a tre telecamere e sistema nebbiogeno integrato. Fai click qui per visualizzare la promozione.

Se ti è piaciuto questo articolo, aggiungi un commento o condividilo con i tuoi contatti. Se invece desideri informazioni più dettagliate sull’impianto per la rilevazione e l’analisi degli eventi e il servizio di guardiania a distanza per la tua attività, contattaci e richiedi una consulenza gratuita.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere nessun articolo


Condividi

Info sull'autore

Carmelina Moccia administrator

Web Master, Seo Copywriter. Ha pubblicato Irene ha sempre freddo (Edizioni Progetto Cultura, 2013), Difesa a zona (articolo giornalistico, finalista alla xiv edizione del Premio nazionale Maria Santoro, 2013), Fuori dal limite (nell’antologia di racconti Il tempo dell’assenza, Edizioni Spartaco, 2015), Dietro una porta (nell'antologia di racconti Parole in viaggio, Edizioni Spartaco, 2017). Menzione d’onore per la prosa al Premio letterario Valentina per l’opera La finestra sul freddo viale d’inverno e al Premio Giovane Holden per l’opera Donne Pericolose. Ha pubblicato Bit alla scoperta del codice ascii (Progetto Cultura, 2011), Il topolino bianco e Ti stringo forte al cuore (Fara Editore, 2012), Non smetto di sperare (Fara Editore, 2014). Ha partecipato a quattro laboratori di scrittura creativa organizzati dalla casa editrice Spartaco e condotti da G. Graziano, durante i quali ha composto numerosi racconti. Partecipa al laboratorio di scrittura creativa Di lama e di trama, tenuto dalla scrittrice Antonella Cilento, finalista Premio Strega 2014, fondatrice e direttrice di Lalineascritta Laboratori di Scrittura, e organizzato dalla casa editrice Spartaco.

Commenta

WhatsApp chat Contattaci su WhatsApp